Safar, i vertici: il nostro punto di forza è il radicamento

22/11/2016


Safar Soc. Coop. è una cooperativa nata nel 1982 da circa 90 farmacisti della provincia di Pescara. Attualmente la Cooperativa Safar è di proprietà di 330 farmacisti ed eroga servizi a circa 800 farmacie in Abruzzo, Marche, Molise e Lazio. A parlarne con F-online sono il presidente della Cooperativa Francesco Cola e l'Amministratore Delegato Luca Toro.

Ingresso del capitale, come vi comporterete al riguardo?
Ad oggi non è stata presa in considerazione una strategia di ingresso nel capitale sociale di farmacie.

La strategia aziendale. Nel breve periodo come vi muoverete?
La nostra mission è di fornire alle farmacie socie e clienti tutti quei servizi utili ed indispensabili affinché queste ultime possano erogare un servizio eccellente a tutela della salute dei cittadini. I nostri valori sono solidarietà ed assistenza nei confronti delle farmacie e, in modo particolare, nei confronti degli associati. Questo è il concetto alla base dei servizi che offriamo ai nostri soci.

Applicate le stesse condizioni commerciali a tutti i soci?
Sì, come previsto dalla normativa delle società cooperative.

Quali sono i costi più importanti?
Trasporti, personale ed ammortamenti.

Una cooperativa può diventare europea? Avete mai pensato a possibili alleanze con altre nazioni?
No, la nostra mission è di rimanere radicati sul nostro territorio e di dare servizi ad alto valore aggiunto alle farmacie socie.

Credete in una centrale di sistema?
Si, da anni siamo soci della società Federfarmaco S.p.A. e ci impegniamo perché cresca e si sviluppi ulteriormente.

Qual è la peculiarità della vostra associazione?
Il punto di forza della nostra associazione è il radicamento sul territorio, ed il nostro lavoro quotidiano è sempre finalizzato al rafforzamento di tale posizione.