Vaccini e farmacia, a Bari un Accordo che consolida presenza della filiera sul territorio

18/11/2019


«È una sfida importante che ci ha visti impegnati in un ambito - quello della distribuzione dei vaccini antinfluenzale e antipneumococcico al medico - in cui finora eravamo assenti. E, pur a fronte di uno sforzo logistico ingente e di volumi mossi elevati, abbiamo creduto e crediamo fortemente nel progetto, perché ci permette di proporci come una filiera realmente integrata, aprendoci le porte anche a nuove iniziative». Commenta così Raffaello Recchia, Delegato Federfarma Servizi per la Regione Puglia, gli esiti dei primi giorni di operatività del "Protocollo di intervento sperimentale relativo alle attività di collaborazione delle farmacie pubbliche e private alla campagna di vaccinazione antinfluenzale e antipneumococcica 2019-2020" stipulato a fine ottobre tra Asl Bari, Ordine dei farmacisti interprovinciale Bari-Bat, Federfarma Bari, Assofarm Bari, che vede il coinvolgimento della distribuzione intermedia (Federfarma Servizi e Adf) a supporto del ruolo della farmacia.
«Nonostante le difficoltà di una partenza che ha richiesto un grosso impegno da parte nostra, a causa della quantità di dosi distribuite - quasi la totalità - nella sola prima settimana, siamo molto soddisfatti perché con questo Accordo abbiamo la possibilità di dimostrare, attivamente, il nostro ruolo e quello delle farmacie anche in questi ambiti».
Tanti sono i vantaggi per la Regione «che ci auguriamo di poter dimostrare - non da ultimo il fatto che ci siamo fatti carico anche dei resi -, ma vediamo anche un apprezzamento da parte del Medico e del Pediatra, soprattutto per la comodità e l'accessibilità di un meccanismo che permette loro di dedicare più tempo ai pazienti in studio».

Con un ulteriore risvolto «che vale la pena sottolineare. Le risorse stanziate per remunerare questa attività, complessivamente di 150mila euro, sono esterne rispetto alla voce dell'assistenza convenzionata e rappresentano finanziamenti aggiuntivi che provengono dal bilancio regionale generale. Questo è importante: il progetto, partito in via sperimentale, ci permette di rodare il meccanismo anche per prossime iniziative. E sono molte le aree che, analogamente, ci potrebbero vedere protagonisti - per esempio la protesica e, in generale, l'assistenza integrativa. Si tratta, quindi, di affermare sempre più un ruolo per la distribuzione e le farmacie, al di fuori di quella che è l'attività core, con la possibilità, quindi, di vedere integrare, con stanziamenti esterni, risorse che sono in costante calo, così da sostenere maggiormente distributore e farmacie».

I contenuti
Per quanto riguarda i contenuti, l'Accordo, che ha validità per la durata della stagione, interessa i vaccini antinfluenzale e antipneumococcico e vede il coinvolgimento di 1.300 tra medici e pediatri di famiglia e delle 372 farmacie di Bari. Le dosi totali ordinate per la stagione sono circa 272mila. Va detto che alla base dell'Accordo c'è l'obiettivo, sancito dalla Regione Puglia, in ottemperanza ai Lea, di raggiungere una copertura vaccinale contro l'influenza del 75% negli ultrasessantacinquenni, a fronte di un valore di circa il 52% raggiunto l'anno scorso. «Il ruolo della farmacia, quindi, è sia quello di rendere disponibili i vaccini ai medici, sia anche di sensibilizzare la popolazione portandola a effettuare il vaccino».

Sul fronte della remunerazione, «la scelta della Parte pubblica è stata quella di una copertura forfettaria: fino al minimo di 100 dosi, alle farmacie verrà riconosciuto un fee di 150 euro, se si va oltre è prevista un'aggiunta, per un totale di 300 euro. La Regione, per la distribuzione intermedia, versa alla farmacia, per entrambe le fasce, 30 euro, che, da questa, verranno dati al grossista, a fronte del servizio prestato. A tale quota, poi, la Regione aggiunge altri 20 euro a farmacia, che verranno invece girati a Federfarma per la modifica della piattaforma Webdpc. Possono essere pochi o molti, ma quello che conta, lo ripeto, è l'aspetto strategico di proporsi come una filiera integrata e organizzata per nuovi ambiti distributivi, creando al contempo le basi per dimostrare la nostra efficacia e avviare ulteriori collaborazioni».

Alcuni dati
- Dosi totali ordinate per la stagione: 272.000
- N° medici coinvolti (MMG e PLS) = 1.300
- N° Farmacie ASL Bari = 372
- Confezioni medie/medico = 250
- Confezioni medie/farmacia = 800
- Obiettivo copertura popolazione target (da LEA) = 75% minimo, auspicato 95%